Ai piedi degli imponenti Monti Picentini, ammantati dalla più vasta foresta dell’Italia meridionale, si stende la fertile pianura della Piana del Sele, affacciata sul Mar Tirreno, con un’ininterrotta spiaggia sabbiosa, a formare la cosiddetta “Litoranea di Salerno”. E’ questo l’accattivante ambiente naturale in cui è incastonata la bella cittadina di Battipaglia, importante centro commerciale e agricolo, noto tra l’altro per la produzione artigianale della famosa “mozzarella di bufala”. Una località dove trascorrere una piacevole vacanza, potendo alternare rilassanti giornate in spiaggia e lunghe escursioni sui monti dell’entroterra, a poca distanza da suggestivi siti archeologici, tra cui quello famosissimo di Paestum. 

Situata a una decina di chilometri dal mare, ai margini della Piana del Sele e a 72 metri di quota, Battipaglia venne fondata come “colonia agricola” nel 1858, nell’ambito dei primi lavori di bonifica delle paludi del Sele. Dopo la costituzione in Comune autonomo nel 1929, e dopo l’ultimazione delle bonifiche, la città assunse una sempre maggiore importanza industriale e agricola, probabile causa dei violenti bombardamenti aerei alleati che, nel 1943, rasero al suolo la città, provocando 117 vittime. Con la ricostruzione postbellica, la città si riappropriò del suo ruolo economico e sociale, tra i maggiori della regione, per poi arrivare, in tempi recenti, a una maggiore valorizzazione anche dal punto di vista turistico, con in evidenza il suo romantico litorale.

Affacciate sul coreografico Golfo di Salerno, tra la Costiera Amalfitana a nord e la Costa del Cilento a sud, le lunghe e lineari spiagge di Battipaglia sono un vero paradiso per l’amante del mare e della tranquillità: una sabbia finissima e dorata, un fondale regolare e sicuro, vari stabilimenti balneari ben attrezzati, tratti di “spiaggia libera”, buone strutture sportive…. In una battuta, tutti gli ingredienti per trascorrere ideali giornate di riposo e di svago, alternate magari alla visita di affascinanti siti archeologici, come i resti delle ville romane in località S. Giovanni e Spineta, e ovviamente i celebri templi di Paestum. Senza dimenticare i numerosi e antichi “casali”, e il medievale Castello di Battipaglia, anche detto Castelluccio, simbolo della città.

Come accennato, alla spalle di Battipaglia si eleva l’imponente massiccio dei Monti Picentini, dove in inverno è possibile sciare, culminante nei 1809 metri del Monte Cervialto. Un gruppo montuoso tutelato dall’omonimo parco regionale, caratterizzato dalla più vasta distesa forestale dell’intera Italia meridionale: oltre 40mila ettari, soprattutto di faggete, che donano a queste vallate un aspetto severo, maestoso e solitario. Un’area dove la pastorizia viene praticata con metodi ancora tradizionali, con prodotti tipici di grande interesse: la “mozzarella di bufala”, il caciocavallo e il formaggio pecorino, senza dimenticare le famose castagne di Montella e le nocciole di Giffoni. Un ambiente ideale per l’amante della natura e delle escursioni, ricco di sorgenti e torrenti, con numerosi borghi storici ancora ben conservati, spesso sullo sfondo dell’azzurro del mare. Infine, ricordiamo che a una manciata di chilometri si trovano i suggestivi Monti Alburni, con il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.