Riflettori puntati sulle vacanze accessibili a persone disabili o con mobilità ridotta. Perché al Salone ognuno trova il proprio cammino



Cogliendo da sempre le richieste e le esigenze dei suoi visitatori (oltre 40mila nel 2014), nella sua tredicesima edizione il Salone Internazionale Svizzero delle Vacanze (Lugano, 30 ottobre – 1 novembre) accoglierà associazioni e agenzie specializzate in vacanze per chi ha disabilità motorie, psichiche e sensoriali.

Un’occasione unica per lanciare insieme una nuova cultura del viaggio -un bene per tutti-, ma anche una concreta opportunità di business: il turismo accessibile vale, infatti, ogni anno oltre 800 miliardi di euro ed è in continua crescita, comprendendo anche mamme con bambini e over 65.

A ciò si aggiunge l’importanza del mercato svizzero: turisti già tra i più facoltosi viaggiatori del mondo che hanno ora guadagnato un 20% di sconto sui soggiorni all’estero grazie all’ulteriore apprezzamento del Franco, in seguito allo sblocco del tasso di cambio con l’Euro.

FAI DEL BUON BUSINESS, IL SALONE INTERNAZIONALE SVIZZERO DELLE VACANZE SOSTIENE CHI OFFRE A OGNI VIAGGIATORE IL PROPRIO CAMMINO.